che questo post aveva tanti titoli e poche parole, ma il captcha su quel servizio a caso che uso qui per mettere le foto a un certo punto mi ha steso. però ho sbagliato solo una volta. e sulle robe ebraiche che sembravano tre i andavano bene tre i. più che altro dopo cinque upload mi è comparsa una finestra che diceva "hai due amici e una richiesta di amicizia!!". dopo dieci upload è comparsa una finestra di chat con fotografina di una donna che diceva "ciao! sono sicura che abbiamo tante cose in comune!". sì sì, sono sicura anch'io.
comunque ce l'ho fatta. volevo chiamarlo "weekend intenso, (iphone) foto del cazzo". comunque weekend bello, assai.



(venerdì notte manuok mi ha regalato quella spilletta quassù. manuok sapeva che io gli voglio bene e quando gli ho chiesto carcerate mi ha detto "ok, se vieni quassù a suonare le tastiere". non aveva dietro la band di questo disco. poi io ero un po' ubriaca, claudia parlava per me. non che da lucida sia più disinvolta, anzi. che l'inglese si parla, no? è timidessa, bona. comunque mi ha regalato due spillette e la prima era quella.)

poi al mechandising dei comaneci ho detto a francesca che i dischi ce li avevo tutti, anche gli ep. e che 15 euri erano davvero tanti per la maglietta. "ma le faccio tutte a mano". "lo so, lo facevo anch'io". me l'ha venduta a 12 senza tanto contrattare (cosa che io non so fare, nonostante sia terrona). la maglietta è bella. cucita a mano. scombinata. come lei. detto con tanto amore, sia chiaro.
 

sabato invece sono andata a una festa di matrimonio. in italia gli omosessuali non possono sposarsi, no? e allora come minimo ci si aiuta, se un/una omosessuale non è comunitario, anche se sta qui con compagno/a da anni.
viva gli sposi. festa bellissima.

Annunci