Stamattina mi sono ritrovata a imparare a memoria il testo dell'anno. Che è anche un pezzo dell'anno, ma stamattina mi si è proprio disvelato come testo dell'anno.
Non lo canterò mai la fuori (che è pure un po' difficile, ma soprattutto non so cantare), ma che mi frega di cantarlo là fuori. Anche se sarebbe una bella cosa liberatoria saper strimpellare la chitarra e cantarlo bene.
Quest'anno avrò pure ascoltato quei trecento dischi, ma i miei premi vanno quasi tutti a lei, che ha fatto proprio un album per me, quest'anno. E che mi frega se sono monotona e se il pezzo l'ho già postato e scampoli di testo pure.
E stamattina mi ci sono proprio messa lì e l'ho imparato.
Bello avere quindici anni.

To say the things i want to say to you would be a crime
To admit I'm still in love with you, after all this time
I'd rather let you touch my arm until you die,
Seduce me with your charms until I'm drunk on them,
go home, and drink in bed and
never let myself be in love like that again.

Light a cigarette and think of you and walk away
Turning all the words around in my head I won't say
Because of all these triangles and squares,
the memory we seem to share replays
a distant love that plays my records on.

Never let myself love like that again.
Never let myself love like that again.

To say the words i want to say to you would be a lie
By the time I get the courage I am drunk and you are tired
Alone in this basement where I will write these songs
of things I'll never say to you again but you know why.

Never let myself love like that again.
Never let myself love like that again.
Never let myself love like that again.
Never let myself love like that again.

 

Sharon Van Etten – A Crime

Chellodicoaffà.

 

Annunci