C’è uno spazio qui dentro. Piccolo, che grande non può essere in quanto a dimensioni. Qualcosa di incavato, scavato, una nicchia forse. E’ lo spazio dei sentimenti e tutto il loro corredo di emozioni.
Questo spazio non può mai essere vuoto. Io sto solo aspettando che si riempia di nuovo di cose buone, che quelle cattive -e dai e dai- si stanno rosicando piano piano le pareti della nicchia. E questa erosione non può andare avanti ancora a lungo: se la struttura collassa perdo la parte migliore di me, non ci sono più.
A oggi io non riesco a immaginare come trasformare quella roba brutta, che era stata tanto bella, in qualcosa di bello, di nuovo.
Ma non mi rassegno. Non mi arrendo, no.
Per ora spero che il sole mi bruci il cervello, che l’acqua mi riempia le orecchie e metta a tacere i miei bla bla bla.
Buone vacanze.

Annunci